You are on page 1of 1

Verifica di integrità serbatoi

GPL tramite l'emissione
acustica
L’impiego dei mezzi tradizionali per le verifiche decennali dei recipienti in pressione compor-
ta oltre ai lunghi tempi di fermo impianto, anche lo smaltimento dell’acqua di bonifica e la presen-
za di personale all’interno dei recipienti in ambiente dove, in caso di soccorso, non è sempre age-
vole intervenire, anche secondo le recenti indicazioni del D.P.R. n. 177/11. E’ possibile ottenere dal
Ministero dello Sviluppo Economico, in deroga ai metodi tradizionali prevista dall’art. 10.5 del ci-
tato D.M. 329/04, la possibilità di avvalersi dell’esecuzione delle verifiche di integrità dei serba-
toi di GPL con capacità superiore a 13 mc con il metodo dell’Emissione Acustica in conformità alla
norma tecnica UNI EN 12819 (serbatoi fuori terra) e UNI EN 12820 (serbatoi tumulati o interrati).

La tecnica dell’Emissione Acustica, in analogia con quanto già
in essere per i serbatoi di GPL di capacità fino a 13 mc, si basa
sull’acquisizione, analisi e valutazione di segnali provenienti
dalla membratura del serbatoio durante una fase di pressu-
rizzazione controllata, non superiore a 0,2 bar /min, tale da
garantire una sollecitazione del serbatoio lenta ed un tempo
di reazione dell’operatore adeguato all’attività registrata sul
serbatoio. In conformità a quanto stabilito dalle norme euro-
pee UNI EN 12819 e UNI EN 12820 il metodo dell’Emissione
Acustica è applicabile a serbatoi contenenti GPL fuori terra e
tumulati o interrati.

I vantaggi della prova non distruttiva eseguita con EA

☐ Ridotto fermo impianto per le verifiche di integrità decennale
(poche ore contro una settimana dovuta allo svuotamento e
successivo riempimento della cassaforma di contenimento
serbatoio)
☐ Risparmio in termini di perdita di prodotto (il serbatoio non va
bonificato e successivamente riempito, con doppia perdita di
fase gas pressurizzata, corrispondente a circa 800 l di prodotto
liquido su di un serbatoio da 30 m3
☐ Maggiore sicurezza dell’intervento (non è necessario l’ingresso
di operatori all’interno del serbatoio per il collaudo visivo dello
stato del serbatoio, nel pieno rispetto degli obblighi previsti dal
recente D.P.R. n. 177/11 relativo alle lavorazioni eseguite in
luoghi confinati)
REV 3 DEL 17.10.2012

Azienda Certificata:
ISO 9001
ISO 14001
Wolftank Systems S.p.A. Bolzano, Milano, Asti, Roma, Cosenza www.wolftank.com
OHSAS 18001
Sede centrale: 39100 Bolzano, Via Giotto 1, info@wolftank.com
tel +39 0471 202300, fax +39 0471 502030
X
OIMS